Tag

riso

Ricette & Ingredienti

Il riso contiene glutine? Scopriamo le proprietà del cereale più diffuso

riso glutine

Nel riso c’è il glutine?

Il riso è uno dei primi cereali ad essere stato consumato e oggi uno degli alimenti più consumati a livello mondiale: basti pensare che solo in Italia se ne coltivano circa 50 specie diverse, ed è perciò importante scoprirne tutte le caratteristiche e le proprietà nutrizionali.

Tra le varie specie le più conosciute sono: basmati, rosso, nero, venere e integrale ognuno con alcune peculiarità.
Potete poi trovare un’ampia varietà di ricette con ogni tipo di riso all’interno del nostro menù settimanale, con ricette adatte anche a chi è intollerante al glutine.
Attraverso il nostro test online gratuito potrete valutare la vostra alimentazione attuale e controllare quale dei risi disponibili risulta più adatto per la vostra dieta.

Il riso integrale è molto ricco di fibre ed avendo un basso indice glicemico è consigliato nelle diete per diabetici, il basmati è povero di grassi e quindi indicato nelle diete dimagranti, mentre il nero ha circa il doppio delle proteine degli altri e quindi viene spesso indicato come accompagnamento in diete iperproteiche.
riso contiene glutine

Potete scoprire molte ricette per tutti i gusti e con le varie tipologie di riso nel menu settimanale di NutriBees!
Dal punto di vista calorico poi è un importante alleato: ha circa la metà delle calorie della pasta e per questo è molto indicato in tutte le diete dimagranti.

Tutti i tipi di di riso contengono amido che, come il glutine, produce un effetto collante, senza però sviluppare intolleranze, quindi si può affermare che il riso, in tutte le sue varietà, non contiene assolutamente glutine ed è consigliato nel caso di intolleranza o celiachia.
Inoltre questa composizione gli permette di essere più facilmente digeribile rispetto agli altri cereali.

Trova così molti impieghi soprattutto nella dieta dei celiaci, essendo un cereale non contenente glutine.

Il riso non ha effetti negativi da segnalare: è un cereale senza glutine, sano, leggero e nutriente. Ovviamente, come per tutto, è bene non esagerare con il suo consumo poiché, essendo astringente, potrebbe avere effetti negativi sull’intestino. Ad ogni modo è opportuno ricordare di variare sempre il consumo di cereali per poter sfruttare a pieno le proprietà nutrizionali di ognuno di essi.

Related posts
Quinoa: come cucinarla e usarla nelle ricette
29 agosto 2018
Il glutine fa ingrassare?
16 luglio 2018
Cereali senza glutine : quali sono e come utilizzarli
15 luglio 2018
Ricette & Ingredienti

Cereali senza glutine : quali sono e come utilizzarli

cereali senza glutine

Cereali senza glutine che può consumare anche un celiaco

Negli ultimi anni sempre più persone scoprono di avere un’intolleranza al glutine e una delle problematiche più comuni a cui vanno incontro è sicuramente il cambio della propria dieta. E’ opinione diffusa che il fatto di non poter consumare glutine limiti in maniera quasi totale il consumo di cereali ma per fortuna non è così in quanto esistono numerosi, e ottimi, cereali senza glutine che possono essere preparati e cucinati sulle nostre tavole.

Iniziamo facendo chiarezza riguardo quali sono i cereali che contengono glutine.
Essi sono: frumento, farro, orzo, avena, segale, spelta.

Ovviamente è inutile negare che l’impossibilità di mangiare il frumento tagli fuori numerosi preparazioni che troviamo solitamente nei supermercati o nei ristoranti ma non disperate: il numero di cereali senza glutine è altrettanto corposo e offre la possibilità di preparare gustose preparazioni gourmet.
I principali cereali senza glutine sono: riso, grano saraceno, miglio, amaranto, sorgo, mais, manioca, teff.
Tra questi il riso è sicuramente il cereale più conosciuto nonchè l’alimento senza glutine più utilizzato al mondo specialmente nei paesi asiatici. Il grano saraceno, il miglio e l’amaranto sono invece sicuramente meno consumati ma sono stati recentemente riscoperti dalla cucina internazionale e sempre più impiegati in ricette healthy e gourmet. Oltre alla versione base di questi cereali, esistono inoltre preparati a base di questi cereali senza glutine (come ad esempio le farine) che sono facilmente reperibili e possono essere utilizzate per preparare pane, pizza e dolci adatti anche a chi soffre di problemi di celiachia.

Oltre ai veri e propri cereali senza glutine, esistono altri pseudo cereali come ad esempio la quinoa che non possono essere definiti un vero e proprio cereale ma di fatto contengono molte delle proprietà presenti in questa tipologia di alimenti.

Nel menù di NutriBees , nonostante l’impossibilità di garantire per il momento la totale non contaminazione del laboratorio, cerchiamo sempre di offrire alternative senza glutine utilizzando sia la quinoa sia cereali senza glutine in varie salse: alcune delle ricette più apprezzate sono sicuramente le quinoa con uvetta e bacche di goji, le polpette di miglio e le bowl di grano saraceno con verdure di stagione. Queste ricette vengono solitamente molto apprezzate sia da celiaci che non in quanto bilanciate dal punto di visto nutrizionale e differenti dal solito piatto di pasta.

Se siete nella condizione di poter mangiare solo cereali senza glutine non disperate quindi: un mondo di gusto e ricette vi aspetta!

Related posts
Quinoa: come cucinarla e usarla nelle ricette
29 agosto 2018
Il riso contiene glutine? Scopriamo le proprietà del cereale più diffuso
3 agosto 2018