Tag

alimentazione

Health & Wellness

I 3 migliori nutrizionisti di Firenze del 2018

migliori nutrizionisti di Firenze

Vi presentiamo i migliori nutrizionisti di Firenze

Dopo aver trattato in precedenza alcune tra le maggiori città italiane tra cui le più recenti Genova e Napoli, oggi andiamo a conoscere alcuni tra i migliori nutrizionisti di Firenze del 2018. Lavorando a contatto con molti professionisti del mondo della nutrizione ormai da un anno ci sentiamo di potervi aiutare a scoprire quali sono i migliori professionisti nel capoluogo toscano a cui rivolgervi per ottenere un consulto e iniziare a seguire un percorso verso una sana alimentazione perdendo, ma non necessariamente, qualche chilo. Se prima di addentrarvi nei nomi e cognomi dei migliori nutrizionisti della città gigliata voleste avere un primo feedback sulla vostra alimentazione potrete utilizzare il nostro test nutrizionale online che vi darà in tempo reale alcune dritte e vi guiderà nella scelta dei piatti per voi migliori nel caso voleste usufruire del nostro servizio di piatti healthy a domicilio attivo anche nella città fiorentina.

Firenze, come del resto tutta la nostra penisola, offre tentazioni culinarie di primo piano (citiamo tra le tante specialità ovviamente la fiorentina e tra i migliori ristoranti sicuramente la famosissima Enoteca Pinchiorri ) quindi trovare un professionista che sia in grado di seguirvi nel migliore dei modi senza imporvi metodi drastici è assolutamente fondamentale.
Doverosa premessa è dire che in questo articolo parleremo solo dei migliori Nutrizionisti di Firenze e non di dietisti e dietologi (abbiamo già parlato delle differenze tra nutrizionista, dietologo e dietista in un precedente articolo).

Bando alle chiacchiere ecco quelli che per noi sono i 3 migliori nutrizionisti di Firenze del 2018:

  • Al primo posto inseriamo la Nutrizionista Maddalena Cipriani che pur non collaborando direttamente con il nostro servizio risulta tra le più gettonate del capoluogo toscano. La Dottoressa Cipriani riceve a Firenze in Via Ser Ventura Monachi 26 e a San Casciano in Viale Corsini 9 . La Dottoressa si distingue per accuratezza nella visita e per l’approfondimento che fa sul paziente consigliando, come riporta sul suo sito, di portare con se alla prima visita gli ultimi esami del sangue, delle urine, diagnostici e di eventuali terapie farmacologiche in corso.
  • Al secondo posto tra i migliori nutrizionisti di Firenze inseriamo la dottoressa Elettra Terziani che visita sia città in Via Lungarno Colombo 8 sia in Versilia e più precisamente a Cinquale. Visitando il sito della nutrizionista Terziani potrete reperire maggiori informazioni  per farvi seguire nel migliore dei modi nel vostro percorso.
  • Al terzo posto ci sentiamo di citare la nutrizionista Maria De Santis che è l’unica delle 3 qui presenti affiliata al nostro servizio di healthy food delivery e con cui è possibile prenotare un appuntamento anche tramite il nostro modulo di richiesta consulto. La dottoressa De Santis riceve in Via Erbosa 30/B – San Donnino : potete scoprire di più su di lei e sul suo lavoro visitando il suo sito internet www.nutrizioneedieta.com .

Speriamo che questo articolo possa esservi servito d’aiuto. Continuate a seguire il nostro blog per curiosità e supporto in ambito nutrizionale e provate il nostro servizio di food delivery nel caso vogliate mangiare bene avendo più tempo per voi.

 

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

Cosa mangiare: la dieta per palestra ideale

dieta per palestra

Dieta per palestra: cosa mangiare per raggiungere i vostri obiettivi?

Dieta per palestra: è sempre più riconosciuto che l’alimentazione ricopre un ruolo cruciale nel fitness.

Non importa quanto ci si allena se si mangia male: difficilmente i risultati arriveranno seguendo una cattiva alimentazione, perciò è cruciale capire (in base ai propri obiettivi e alle proprie esigenze nutrizionali) quale sia la migliore dieta per palestra.

Secondo gli esperti una corretta alimentazione conta per circa il 70% nel raggiungimento del risultato per chi va in palestra.
Inolte per ottenere risultati, è importante abbinare alla dieta un minimo di 150 minuti di attività fisica a settimana.

Cosa mangiare dopo palestra

Prima di tutto è giusto riconoscere l’importanza delle proteine la cui assunzione è fondamentale, ma attenti ad esagerare: è importante mangiare un po’ di tutto per bilanciare i diversi nutrienti e fornire all’organismo tutto quello di cui ha bisogno.

Ai fini di una corretta alimentazione ogni tipo di esagerazione è da evitare assolutamente.
In generale vanno accompagnati alle proteine cereali a basso indice glicemico come riso o farro che aiutano il corretto funzionamento dei muscoli, i legumi, la frutta, le verdure.
Tra le proteine cercate di preferire le proteine “buone” come carne bianca o pesce e limitare i consumi di carne rossa e insaccati.

Mentre consigli più dettagliati variano in base al tipo di allenamento e dunque all’obiettivo prescelto.
Una dieta per palestra dimagrante sarà associata ad un allenamento cardio e dunque avrà delle “regole” da seguire al fine di perdere peso:

  • consumare pochi carboidrati e meglio se a basso indice glicemico (come il riso)
  • mangiare molta frutta e verdura
  • mangiare circa un’ora dopo l’allenamento
  • introdurre (se già non lo si fa) due spuntini a metà mattina e pomeriggio per stimolare il metabolismo.

Una dieta per palestra per aumentare la massa muscolare o tonificare si basa invece su altri principi:

  • Fare circa sei pasti al giorno
  • Iniziare con una colazione molto ricca di proteine
  • Assumere circa 2g di proteine per kg di massa corporea, preferendo carne bianca e pesce

In entrambi i casi si consiglia di bere molta acqua al giorno per reintegrare i liquidi persi.
Inoltre ci sono dei cibi e delle abitudini da evitare:

  • bevande gassate e zuccherate (un bicchiere di coca cola è uguale a 10 bustine di zucchero, assolutamente da evitare!)
  • cioccolato e caramelle (il cioccolato fondente in piccole dosi va bene)
  • troppo sale: aumenta il senso di gonfiore
  • mangiate abbondanti di carboidrati alla sera (pizza e grossi piatti di pasta).

Per chi non avesse tempo di cucinare e di pensare ad una dieta giornalmente, c’è NutriBees.

NutriBees consegna settimanalmente pasti sani e bilanciati pensati in base alle abitudini individuali, ideali per chi non ha tempo e vuole stare in forma.

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

Dieta per Anziani: migliori alimenti e cibi da evitare

Dieta per anziani

Consigli alimentari per seguire una dieta sana anche in età avanzata

Molto spesso leggiamo articoli riguardo cosa mangiare per mantenerci in forma, aumentare la massa muscolare o raggiungere uno specifico obiettivo. I consigli che leggiamo spesso non fanno distinzione nè di sesso, nè di età ne di condizione fisica di partenza.

L’età ovviamente è uno dei fattori che impatta più profondamente il risultato che ha sul nostro corpo mangiare alcuni cibi piuttosto di altri: infatti un cibo che può farci bene ed aiutarci in età precoce può essere assolutamente dannoso in una dieta per anziani.

dieta per anziani

Alimentazione corretta per anziani secondo Benessere360

Per questo motivo con questo articolo vogliamo aiutarvi a capire quali sono gli alimenti ideali da inserire in una dieta per anziani in modo da mantenersi giovani e pimpanti anche superata una certa età. Piccola premessa: questo articolo non si rivolge a persone con specifiche patologie e condizioni di salute non ottimali. In ogni caso questo articolo non sostituisce la visita con un professionista dell’alimentazione ma vuole comunque dare alcuni consigli rapidi sui cibi migliori da consumare e quelli che magari è meglio evitare.

Sembra stupido ribadirlo ma innanzitutto vorremmo sottolineare come il problema principale che si riscontra parlando di alimentazione per anziani è quello della malnutrizione : moltissimi anziani, spesso soli e poco assistiti dai familiari, soffrono di questo problema per cause differenti che vanno dalla perdita di appetito, alla perdita di voglia o incapacità di cucinare a questioni prettamente economiche. Il nostro servizio di consegna a domicilio di pasti pronti può in questo senso risolvere almeno uno di questi 3 problemi (in realtà anche quello del gusto visto che il sapore è sicuramente uno dei punti di forza dei nostri pasti pronti) portando in tutta Italia pasti bilanciati ed equilibrati dal basso contenuto calorico.

Per quanto riguarda l’assunzione di calorie se è vero che facendo meno attività fisica è opportuno ridurre le kcal assunte, d’altra parte è importante non sbilanciarsi troppo dall’altro lato andando a soffrire poi di eccessiva magrezza. Per darvi dei parametri di riferimento,  Fondazione Veronesi, consiglia alla donna di assumere tra le 1600-1900 calorie tra 60 e 74 anni e tra le 1500-1750 dopo i 75 anni mentre all’uomo di assumere 1900-2250 calorie tra 60 e 74 anni e tra le 1700-1950 dopo i 75 anni.

I nutrienti che bisogna fare attenzione ad assumere per rispettare una buona dieta per anziani sono le proteine (che mantengono la massa muscolare), le fibre (per il mantenimento delle corrette funzioni intestinali), gli antiossidanti e le vitamine E, B12, B6 C, D,  il calcio e l’acido folico. Troppo difficile capire cosa mangiare? Passiamo agli alimenti. In realtà la dieta dell’anziano in questo senso non si differenzia molto da quella della persona sana di mezza età in quanto il poco e vario rimane un principio consolidato.

Per quanto riguarda le proteine si deve prediligere la loro assunzione tramite carne bianca, pesce (preferire il pesce azzurro), legumi, uova e latte. Per i grassi parliamo invece di olio extravergine di oliva e frutta secca limitando salumi e carne rossa. Per i carboidrati scontato dire che sarebbe meglio consumarli integrali. Completano il quadro abbondanti quantità di acqua (specialmente nelle stagioni estive) frutta e verdura.

Cosa invece evitare? Come detto sopra sono da evitare in sana dieta per anziani sicuramente i piatti ricchi di zuccheri e sale e in generale effettuare pasti eccessivamente pesanti che possono mettere in difficoltà un corpo già fragile e che mal potrebbe sopportare troppe pietanze tutte insieme specialmente per il pasto serale.

Se vi fosse piaciuto questo articolo continuate a leggere il nostro blog o visitate il nostro sito per scoprire il nostro servizio di healthy food delivery

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

Pranzo Light: come mangiare leggero

pranzo light

Pranzo Light: come sentirsi bene dopo pranzo

Pranzo light: è un inglesismo ormai diffusissimo per indicare un pranzo leggero e sano, spesso anche veloce, con la fondamentale caratteristica di non farci sentire appesantiti una volta alzati da tavola.

In particolar modo se si lavora, o comunque se si è indaffarati, è importante pranzare in modo sano ed equilibrato al fine di essere in piena forma per proseguire le proprie attività giornaliere, evitando il fastidioso senso di gonfiore, pesantezza o mal di stomaco che possono rendere più difficile il proseguio della giornata.

Regola fondamentale è quindi che gli alimenti utilizzati per il vostro pranzo light siano energetici ma non pesanti, fornendoci il numero giusto di calorie di cui abbiamo bisogno fino a cena senza esagerare e senza farci sentire affamati.

Cosa Evitare?

Vanno evitate ovviamente porzioni troppo grandi o abbuffate, in particolare di pasta e carboidrati, che possono portarci a sentire la sonnolenza: meglio porzioni piccole da 70-80g con condimento leggero (evitate un bel piattone di carbonara!).

dieta roma
Stesso discorso per zuccheri e dolci, meglio evitarli o assumerli in piccole dosi.
Da evitare dunque anche bevande zuccherate.

Cosa Prediligere?

Sicuramente la scelta migliore è consumare molte verdure e proteine (carne magra, pesce, legumi), potenzialmente accompagnandole con una manciata di riso integrale o un cereale integrale, seguendo la logica del piatto unico bilanciato.

piatto unico
Inoltre è importante accompagnare un pranzo light con due spuntini (uno a metà mattinata e l’altro a metà pomeriggio): frutta, yogurt, frutta secca sono le opzioni migliori.
Molto importante è anche variare il vostro pranzo in modo da non annoiarsi mai.
Anche un panino può andare bene in mancanza d’altro, ma occhio agli ingredienti: meglio con bresaola o carni magre e con nessuno o pochi latticini: se non fatto bene un panino equivale ad un piatto di pasta abbondante.

Come Prepararli?

Una soluzione pratica è sicuramente cucinare a casa e portarsi la classica schiscetta in ufficio, però può essere un’operazione lunga e complessa e con molti sprechi, di tempo, energia e materie prime!

Per evitare sprechi, può essere molto comodo utilizzare NutriBees per poter ricevere pasti unici bilanciati direttamente a casa, ideali per un pranzo light e studiati per farti sentire al meglio nella vita di tutti i giorni.

Comodi sia da mangiare a casa, dopo averli riscaldati nel microonde, che in ufficio.

Packaging NutriBees

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

Piatti Unici: Cosa si intende e come prepararli

Piatti Unici e Bilanciati: Come preparare ricette nel modo più sano?

I piatti unici altro non sono che ricette che in un unico piatto uniscono tutti i nutrienti necessari.
La teoria del piatto unico è stata elaborata dall’università di Harvard , traendo chiara ispirazione dalle linee guida della dieta mediterranea, al fine di educare maggiormente la popolazione americana (alle prese con gravi problemi connessi all’obesità e al sovrappeso) alla corretta alimentazione, colmando le carenze nutrizionali.
Per sensibilizzare l’opinione pubblica americana verso il tema della nutrizione il governo (con madrina Michelle Obama) ha lanciato poi la campagna ChooseMyPlate, in cui venivano elargiti consigli alimentari e linee guida per combattere i problemi derivanti dal sovrappeso.

Come funzionano dunque i piatti unici?

Un piatto unico è un piatto che ha in sè tutti gli elementi necessari al fabbisogno nutrizionale giornaliero; unisce quindi in sè cereali rigorosamente integrali (quinoa, orzo, riso, avena, etc…), frutta e verdura (qui le patate non contano), proteine magre (carne bianca e pesce).
I cereali devono comporre la metà del piatto, mentre verdure/frutta e proteine 1/4 ciascuno: la corretta associazione di questi nutrienti è proprio quello che permette al nostro organismo di sentirsi bene, senza sensi di pesantezza o di fame, e per questo è la miglior scelta possibile, specie per la pausa pranzo.

Gli altri consigli da adottare insieme al pasto unico bilanciato sono:
– Preferire oli vegetali sani, come olio di oliva, canola, soia, mais, girasole o arachide. Da usare con moderazione.
– Bere molta acqua
– Preferire tè o caffè a succhi zuccherati e bevande gassate
– Fare molta attività fisica
– Limitare l’uso di latticini (1-2 volte a settimana) e della carne rossa (1 volta a settimana).

NutriBees segue, nella maggior parte delle ricette, la filosofia del piatto unico bilanciato, fornendo il corretto apporto di macronutrienti in ogni pasto e consegnando direttamente a casa piatti unici bilanciati, ideali per una corretta alimentazione.

Related posts
Il Cerfoglio: una pianta aromatica poco conosciuta
10 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Dragoncello: una pianta aromatica da scoprire
3 ottobre 2018
Lifestyle

Dieta per Addominali

dieta per addominali donna

Come ottenere addominali scolpiti attraverso la giusta dieta

Avere degli addominali definiti in poco tempo è risaputo essere il sogno della maggior parte delle persone tra i 18 e i 50 anni (se non oltre): troppo spesso si tende però a focalizzarsi solo su allenamenti specifici in palestra quando invece è ormai più che comprovato il ruolo fondamentale di una corretta dieta che, con gli alimenti corretti, ci aiuti a creare quella che in gergo viene definita la cosiddetta tartaruga.

Tutti i più recenti studi hanno infatti confermato come l’alimentazione sia critica nello sviluppo dei muscoli addominali (e non solo): una dieta dedicata allo sviluppo di addominali perfetti va ovviamente unita ai giusti esercizi per avere gli effetti sperati (trovate link a fondo articolo): cercare di fare molta attività aerobica per bruciare i grassi, evitando che si depositino sull’addome e ovviamente fare esercizi mirati al rinforzamento del tronco.

Una cosa da premettere prima di addentrarci nei consigli principali è quella di darsi i giusti obiettivi ovvero non pensare che nel giro di poche settimane di possa passare dalle classiche maniglie dell’amore ad una tartaruga scolpita: se è questo quello che state cercando da questo articolo smettete di sognare. Tra l’altro, anche se riusciste in questo obiettivo, vi ritrovereste con un risultato che non vi soddisferà in quanto una perdita di peso troppo rapida comporterà una perdita sia di massa grassa sia di massa muscolare: proprio quello che non vogliamo! Il nostro obiettivo va invece raggiunto con calma, esercizio, fatica e una dieta bilanciata in modo da ottenere i famosi addominali scolpiti senza perdere massa.

 

Dieta per addominali definiti

Dieta per addominali scolpiti: cosa mangiare

Prima di passare ai veri e propri cibi da prediligere per ottenere addominali perfetti in poco tempo, iniziamo parlando del numero di pasti che è importante consumare nel corso della giornata. Questo numero vale non solo per raggiungere questo obiettivo ma in generale per una dieta mediterranea sana è 5 ovvero 3 pasti principali (colazione, pranzo e cena) e 2 spuntini.
Venendo a cosa effettivamente consumare, il macronutriente da privilegiare sono sicuramente le proteine: per ogni kg del nostro peso dovremmo assimilare circa 1,5g di proteine al giorno, meglio se “buone” (carne bianca o proteine vegetali) e accompagnandole ad una robusta dose di verdure.

Fondamentale per raggiungere il nostro obiettivo è anche il consumo di frutta che troppo spesso viene sottovalutato: la frutta infatti contribuisce ad apportare vitamine e sali minerali e, al contrario di quanto si creda, non va a gonfiare i muscoli addominali (una delle paure più presenti e ingiustificate è che la frutta non permetta lo sgonfiamento dei muscoli addominali).
Per gli spuntini ideali sono yogurt e frutta secca; se si ha molta fame ci si può buttare su insalatone e minestroni.
Infine, consiglio che si ripete sempre ma non è mai inappropriato, è quello di bere molta acqua: il livello consigliato è circa 1,5l al giorno, fino a 2l di Estate; se piacciono poi consigliamo anche di consumare molte tisane, infusi, tè e spremute di frutte (senza zuccheri aggiunti).

Dieta per addominali scolpiti: cosa NON mangiare

Ovviamente va limitato il consumo di grassi, insaccati, carne rossa e latticini che hanno la tendenza a depositarsi come grasso.
Consigliata è anche la riduzione dei carbodraiti ad alto indice glicemico (pane e cereali raffinati) preferendo cereali integrali.
Inoltre da evitare ogni bevanda zuccherata, alcolica e alimenti con zucchero aggiunto.

Dieta per addominali scolpiti: menu d’esempio

Per essere più chiari, ecco un menu giornaliero d’esempio su cosa mangiare durante una dieta volta al delineamento degli addominali:

  • Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato, 20g di fette biscottate integrali e una tazzina di caffè;
  • spuntino: frutta;
  • pranzo: Un cereale integrale condito con salsa semplice e una fetta di carne bianca
  • merenda: yogurt e frutta secca;
  • cena: Una fettina di pollo oppure pesce cotto al vapore (le quantità dipendono dal vostro fabbisogno) con verdure grigliate e un filo d’olio a crudo.

Non esistono differenze sostanziali nella dieta per addominali scolpiti tra uomo e donna. Questo schema alimentare può inoltre essere utilizzato per un miglioramento tangibile anche nella zona dell’addome e dei glutei salvo patologie croniche: in questi casi è sempre meglio rivolgersi ad un nutrizionista: nel nostro blog potete trovare varie classifiche dei migliori città per città tra cui Milano, Roma e Napoli.
Molti dei piatti NutriBees possono essere utili nel seguire una dieta di questo tipo e potete scoprirli nel nostro menù.

Esercizi per addominali bassi

Come mantenere gli addominali definiti che hai tanto duramente sudato

Dopo aver tanto duramente sudato in palestra e seguito una dieta accurata secondo le indicazioni di cui sopra ora viene il difficile ovvero mantenere il risultato ottenuto! In realtà a questa voce non vi faremo rivelazioni miracolose: la costanza sarà il vostro miglior amico continuando a bilanciare l’esercizio fisico (magari tenendo allenate tutte le varie sezioni degli addominali alti, bassi, laterali) e una dieta bilanciata (con particolare attenzione ai grassi).

P.S. Ora che avete capito l’importanza fondamentale della dieta nell’ottenimento di addominali scolpiti e piatti vi possiamo anche lasciare un piccolo video che vi aiuti con esercizi specifici dedicati al miglioramento di questa parte del vostro corpo. Vi segnaliamo inoltre anche altri esercizi per raggiungere addominali piatti in questo link.

 

 

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

A tu per tu con la nutrizionista: Valentina di Micoli

Nutrizionista Valentina di Micoli

Oggi per la rubrica curata dai nostri professionisti, intervistiamo la nutrizionista Valentina di Micoli

Buonasera nutrizionista Valentina di Micoli , presentati in 3 righe

Sono Valentina Di Micoli, Biologa Nutrizionista con specializzazione in Patologia Clinica e Biochimica Clinica. Mi occupo di educazione alimentare per ragazzi, adulti e bambini il cui scopo principale è quello di trasmettere le regole fondamentali per una corretta nutrizione.

Cosa ami di più del tuo lavoro

Da sempre la nutrizione e il benessere a 360° rappresentano un tema fondamentale della mia vita e quello che amo di più del mio lavoro è il fatto di poterlo trasmettere agli altri e aiutarli a raggiungere i propri obiettivi

Qual è la più grossa difficoltà che incontri con i tuoi pazienti

La cosa più difficile del mio lavoro è sicuramente quella di far comprendere la necessità del cambiamento dello stile di vita e non di adottare un regime alimentare temporaneo per perdere peso

L’abitudine che fanno più fatica a correggere i tuoi pazienti

Spizzicare

Hai una ricetta preferita ? Perchè ?

Ciambella senza uova e burro, perché per i golosi come me, ogni tanto è necessario concedersi la propria colazione preferita

Quale cibo ( o categoria di cibo ) viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti

La pizza e i carboidrati in generale consumati in eccesso

Quale sarà il cibo del 2018 e i trend in ambito nutrizionale

Correlazione tra nutrizione e salute, infiammazione e il ruolo del microbiota intestinale. Il cibo del 2018? Sicuramente la pasta di legumi

Obiettivi personali per il 2018

Uno degli obiettivi del 2018 sarà quello di aiutare i miei pazienti a raggiungere e mantenere i propri traguardi

Dati, orari, luoghi per contattarti e/o prenotare una visita

Ricevo previo appuntamento a Bologna e a Minerbio (BO). Per info e prenotazioni puoi contattarmi via email dottssa.dimicoli@gmail.com o cell. +393403300718 .

Blog: https://valentinadimicolinutrizionista.blogspot.it

E’ possibile contattare la nutrizionista Valentina di Micoli anche attraverso il modulo Richiedi un consulto
Interessato ad altri articoli? Accedi al nostro blog

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

A tu per tu con la nutrizionista : Giulia Vincenzo

Giulia Vincenzo Nutrizionista

Oggi per la rubrica curata dai nostri professionisti, intervistiamo la nutrizionista Giulia Vincenzo

Sono dott.ssa Giulia Vincenzo, sono Biologa Nutrizionista, ho 30 anni e sono una persona tranquilla e felice. Amo il mio lavoro, lo svolgo con passione sia perchè ritengo la Biologia come la Madre di tutte le scienze, tanto bella quanto complessa, sia perchè mi permette di entrare in contatto con tante persone che mi danno l’onore di entrare nelle loro vite e trasformarle, seppur nel mio piccolo, in meglio.

Cosa ami di più del tuo lavoro ?

I miei pazienti: di tutte le categorie e fasce d’età, il contatto che si crea e la fiducia che si instaura. Il poter entrare anche se per poco nelle loro vite e nelle loro quotidianità e sentirmi parte di quel benessere in più che può fare tanto la differenza.

Qual è la più grossa difficoltà che incontri con i tuoi pazienti ?

Soprattutto nel primo approccio, a far capire loro che la dieta non dev’essere intesa come un momento traumatico, breve e impegnativo di sacrificio. La prima cosa a cui tengo è che sia un cambiamento delicato e volontario, affinchè il risultato possa durare nel tempo e che non si torni alle cattive abitudini. E in questo metto tutta la mia attenzione e le mie energie.

L’abitudine che fanno più fatica a correggere i tuoi pazienti ?

Forse il saltare i pasti oppure il bere la giusta quantità d’acqua durante la giornata: la vita diventa sempre più frenetica e spesso ci si dimentica delle sane abitudini e si fa difficoltà a ritagliarsi qualche istante in più per se stessi.

Hai una ricetta preferita? Perché?

Premettendo che non ho mai tantissimo tempo per cucinare e che lo chef della casa in realtà è mio marito, amo molto il farro con pomodorini pachino, pesto e formaggio fresco spalmabile. E’ un piatto completo che da tanta soddisfazione in senso di sazietà, sapori e si presta bene ad essere portato il giorno dopo al lavoro per pranzo, essendo buono anche freddo.

Quale cibo (o categoria di cibo) viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti ?

Paradossalmente la pasta: la si vede come l’alimento ‘’anti-dieta’’ per eccellenza, eppure se inserita bene in un contesto variato e nelle giuste quantità può essere un buon alleato anche per perdere peso

Spaghetti al cavolo e uvetta NutriBees

Quale sarà il cibo del 2018 e i trend in ambito nutrizionale ?

Bella domanda! spero siano gli alimenti funzionali, la frutta e la verdura più sconosciuta ma più ricca di sostanze protettive e antiossidanti

Obiettivi personali per il 2018 ?

Migliorarmi. Penso sia il miglior buon proposito che si possa avere, mi sono posta l’obiettivo di approfondire sempre di più quelle che sono le tematiche tecniche di nuova ricerca nell’ambito nutrizionale rimanendo però sempre con i piedi per terra e vicina al contatto col paziente, a cui voglio fornire il miglior aiuto e sostegno possibile, e sempre meglio.

La dottoressa Giulia Vincenzo riceve a Roma in tre diverse zone (Prati, Monteverde e EUR) su appuntamento. E’ possibile contattarla al 3398101315, inviare una mail a giulia.vincenzo@live.it oppure leggere su di me di tutto e di più sul mio sito www.giuliavincenzo.it

E’ possibile contattare la nutrizionista Giulia Vincenzo anche attraverso il modulo Richiedi un consulto
Interessato ad altri articoli? Accedi al nostro blog

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

A tu per tu con la nutrizionista : Agnese Tabbò

Nutrizionista Agnese Tabbò

Oggi per la rubrica curata dai nostri professionisti, intervistiamo la nutrizionista Agnese Tabbò

Ciao Agnese Tabbò , presentati in poche righe

Buongiorno, mi chiamo Agnese Tabbò, sono una nutrizionista, ma anche insegnante ed ex biologa di laboratorio di biologia molecolare Nel mio lavoro cerco di fondere tutte le mie esperienze.

Cosa ami di più del tuo lavoro

Mangiare è una delle cose più soddisfacenti della vita. La nutrizione è la base dello star bene e della prevenzione. Nel mio lavoro mi piace molto puntare su questi argomenti e non sul solo dimagrimento.

Qual è la più grossa difficoltà che incontri con i tuoi pazienti

La più grossa difficoltà che incontro è convincere le persone che i carboidrati non fanno ingrassare e che i grassi devono essere parte integrante della dieta.

L’abitudine che fanno più fatica a correggere i tuoi pazienti

La maggioranza dei pazienti deve imparare ad idratarsi in modo adeguato, sembra la cosa più scontata ma non è così.

Hai una ricetta preferita? Perché?

Le mie ricette preferite sono molte… e spesso un po’ rivisitate. Certo non può mai mancare la pizza, quella fatta bene però! Con farine di qualità di vari cereali, lievitazione adeguata ed ingredienti eccellenti.

Quale cibo (o categoria di cibo) viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti

Spesso sono molto sottovalutati i legumi: parte della dieta mediterranea troppo poco utilizzata e soprattutto c’è molta confusione su cosa siano i legumi.

Quale sarà il cibo del 2018 e i trend in ambito nutrizionale

Una categoria di cibi molto importante, che dobbiamo imparare ad utilizzare e conoscere sono le spezie, con interessati proprietà nutrizionali. Seguite dalle radici, per esempio lo zenzero o il rabarbaro.

Obiettivi personali per il 2018

Nel lavoro del nutrizionista bisogna sempre aggiornarsi e migliorarsi. Per quanto mi riguarda i miei obiettivi sono personalizzare sempre di più i piani alimentari ed offrire ai pazienti una possibilità di aiuto a 360°.

Studio nutrizionale ad Albenga (SV), v.le martiri della foce 20. Tel.3319156384.

E’ possibile contattare la nutrizionista Valentina Suerz anche attraverso il modulo Richiedi un consulto
Interessato ad altri articoli? Accedi al nostro blog

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018
Health & Wellness

A tu per tu con la nutrizionista : Monia Farina

Monia Farina

Oggi per la rubrica curata dai nostri professionisti, intervistiamo la nutrizionista Monia Farina

Buongiorno Monia Farina, presentati in 3 righe

Monia Farina, biologa Nutrizionista, socio SENS (Società Europea di Nutrizione Sportiva) e mambro della Rete Famiglie Veg, mi occupo di educazione alimentare e piani alimentari personalizzati per le varie età ed esigenze. Sono la Nutrizionista della Dietamannara

Cosa ami di più del tuo lavoro?

Aiutare le persone a far pace con il loro corpo e con il cibo

Qual è la più grossa difficoltà che incontri con i tuoi pazienti?

La scarsa motivazione a iniziare un percorso di cambiamento: la pigrizia è il peggior nemico del mio mestiere

Monia Farina Nutrizionista

L’abitudine che fanno più fatica a correggere i tuoi pazienti?

Modificare la quantità giornaliera di carboidrati (soprattutto la colazione)

Hai una ricetta preferita ? Perchè ?

Amo i “panini proteici” Nuvola Bread preparati con uovo, e yogurt perchè sono semplici da preparare, si conservano e si prestano a una colazione veloce

Quale cibo ( o categoria di cibo ) viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti?

Le proteine vegetali, i semi. Si pensa che le proteine siano solo in pesce e carne quando invece i legumi e la soia ne sono veramente colmi e si prestano a diverse ricette molto gustose

Quale sarà il cibo del 2018 e i trend in ambito nutrizionale?

I “superfood” come olio di cocco, Te Matcha, semi oleosi, farine di semi, paste di legumi

Obiettivi personali per il 2018

Accrescere conoscenze e competenze, continuare ad aggiornarmi sui nuovi studi in ambito nutrizionale

Dati, orari, luoghi per contattarti e/o prenotare una visita:

Per informazioni:
email 
frescobenessere@gmail.com
Prenotazioni
– Per il mercoledì: Box Polifunzionale Farmacia Baboni Cernusco s/n : 
+39029240260
– Altri giorni infrasettimanali, nel pomeriggio: Studio nutrizionale Piscine Brugherio : Telefono: 039/877139

E’ possibile contattare la nutrizionista Monia Farina anche attraverso il modulo Richiedi un consulto
Interessato ad altri articoli? Accedi al nostro blog

Related posts
Piatti pronti per dieta: come dimagrire senza stress
23 ottobre 2018
Dieta per obesità: come riuscire a dimagrire?
19 ottobre 2018
Dieta a Roma: i migliori professionisti e servizi
10 ottobre 2018