Category

Lifestyle

Health & Wellness, Lifestyle

Cosa mangiare in gravidanza. Consigli e cibi da evitare.

Donna in gravidanza

Una delle maggiori preoccupazioni di tutte le future mamme riguarda l’alimentazione. La gravidanza, infatti, non è una passeggiata e tra nausee e aumento di peso è normale che sorgano mille dubbi. Cosa mangiare in gravidanza per il bene del bambino? Quanto peso si prende normalmente? Quali cibi è meglio evitare e quali abolire del tutto?

L’alimentazione può essere aiuto e ostacolo sia per la mamma che per lo sviluppo corretto del bambino. Un’alimentazione corretta e completa, infatti, può aiutare le donne a superare questo periodo così importante con meno stress. Inoltre, assicura che nessun nutriente fondamentale manchi né alla mamma né al bambino. Allora come scegliere cosa mangiare in gravidanza? E soprattutto è necessario per tutti affidarsi a un nutrizionista per mangiare correttamente? Ecco alcuni consigli utili.

1. L’aumento di peso della mamma

L’idea che appena la donna sa di essere incinta deve mangiare di più “perchè ora mangia per due” è solo una credenza. Infatti, è bene affidarsi al proprio ginecologo per sapere quanto peso bisognerebbe prendere nel corso dei 9 mesi. A proposito di questo, non tutti sanno che il fabbisogno calorico (la quantità di calorie da assumere giornalmente) della mamma non cambia nei primi 3 mesi di gravidanza.

Per una donna normopeso, quindi, l’aumento di peso dovrebbe iniziare dopo i primi tre mesi, mentre all’inizio della gravidanza è sufficiente mantenere una dieta varia ed equilibrata. Particolare importanza deve essere data alle proteine, che devono venire da carne, pesce, uova, formaggi in quanto le fonti vegetali non sono sufficienti. Spesso durante questi primi mesi si possono verificare nausea e inappetenza per alcuni cibi, tipo la carne. Quindi, è necessario integrare sostituendoli con fonti nutritive simili.

A partire dal secondo trimestre il fabbisogno calorico della mamma aumenta, ma non di molto, infatti bisognerebbe assumere 250-300 kcal in più al giorno. Infine, nell’ultimo trimestre, si ha un ulteriore aumento fino a 400-500 kcal in più al giorno. Alla fine, l’aumento di peso normale si aggira tra gli 8 e i 12 kg .

Cosa mangiare in gravidanza?
Cosa mangiare in gravidanza?

2. Quali cibi mangiare

In gravidanza è importante assumere tutti i nutrienti, come in una normale dieta, con qualche attenzione in più.

Le proteine

Le proteine, che in una dieta normale devono fornire il 20% delle calorie giornaliere, sono un nutriente a cui la gestante deve prestare particolare attenzione. Come già detto, è importante assumere proteine d’alto valore biologico, ovvero da carne, pesce, formaggi e uova. Le proteine contenute nei legumi e altre fonti vegetali, infatti, non sono sufficienti. Se, come spesso accade, durante la gravidanza non si ha voglia di mangiare carne bisogna sostituirla con uova o formaggi.

I carboidrati e gli zuccheri

In gravidanza si hanno spesso “attacchi di fame” che si soddisfano con dolci e altre fonti di zuccheri semplici. Questo ha un forte impatto sull’aumento di peso. Al contrario è meglio privilegiare gli amidi come la pasta, i cereali integrali e il pane. I cereali integrali, inoltre, forniscono più sali minerali e vitamine rispetto a pasta, pane e riso raffinati.

Pane e cereali integrali da mangiare in gravidanza
Pane e cereali integrali

I grassi

L’apporto di grassi in gravidanza non deve aumentare, tuttavia neanche diminuire perchè molte vitamine sono liposolubili. Le vitamine A, D, E, K vengono assorbite per mezzo dei lipidi. Esse sono molto importanti ma, con un’alimentazione varia ed equilibrata, non è necessario prendere integratori, se non sotto indicazione del medico.

Gli alcolici e il caffè

Gli alcolici vanno eliminati totalmente, così come il fumo, durante la gravidanza. La caffeina può avere effetti negativi sullo sviluppo del feto per questo è importante limitare i caffè giornalieri. In generale è meglio limitarli a 2 al giorno.

Il caffè in gravidanza
Il caffè in gravidanza

3. Gestire l’aumento di peso e l’alimentazione in gravidanza

La gravidanza è un periodo delicato, per questo le future mamme potrebbero aver bisogno del supporto di un professionista per affrontarlo. Durante la gravidanza e anche dopo è possibile farsi aiutare dal medico di base e farsi guidare per un aumento e perdita di peso graduali e corretti. Non è sempre necessario farsi seguire da un nutrizionista, ma bisogna affidarsi solo a informazioni scientificamente fondate per regolare la propria alimentazione. Fonti di informazioni valide sono il sito della SINU (Società Italiana di Nutrizione Umana) e della Fondazione Umberto Veronesi. Invece, se cercate l’aiuto di un nutrizionista, NutriBees vi può aiutare a cercare nutrizionisti vicini a dove vivete.

Lifestyle, Ricette & Ingredienti

10 piatti pre allenamento: cosa mangiare prima della palestra

Prima di allenarsi cosa mangiare

E’ ormai risaputo che per ottenere il massimo dai propri sforzi in palestra è fondamentale seguire una corretta alimentazione. Si dice infatti che solo il 20% del risultato finale sia dovuto effettivamente all’attività fisica mentre ben l’80% dipenda proprio da cosa si mangia. Già in precedenti articoli ci siamo concentrati sulla dieta per palestra ed i piatti da consumare post allenamento. Con questo articolo vogliamo quindi completare il quadro focalizzandoci su cosa mangiare prima dell’allenamento.

A tal proposito è necessaria una doverosa premessa: come nel caso dei pasti post allenamento, non esiste una dieta pre-workout ottimale adatta ad ogni persona. A seconda del sesso, età, attività fisica praticata e obiettivo infatti le esigenze nutrizionali delle persone possono essere diverse. Di conseguenza anche i piatti pre allenamento migliori per loro varieranno. Nonostante ciò si possono comunque individuare delle linee guida generali da rispettare per comporre il pasto pre workout ottimale.

Cosa mangiare prima dell'allenamento
Workout

Il pasto pre workout

Lo scopo del pasto pre-workout è quello di fornire all’organismo le sostanze nutritive e le energie necessarie ad affrontare al meglio l’allenamento, ma anche quello di predisporre l’organismo al recupero post allenamento. Il pasto pre-workout deve infatti fornire abbastanza energie per affrontare l’allenamento al meglio, ma allo stesso tempo essere leggero e digeribile così da ottimizzare al massimo le performance. 

Fondamentali diventano quindi:

  • il timing del pasto, in modo che ci sia abbastanza tempo per la digestione
  • l’apporto calorico del pasto, per garantire sufficienti energie all’organismo
  • il bilanciamento tra i vari macronutrienti in base al tipo di allenamento e agli obiettivi del soggetto

In generale i carboidrati aiutano a massimizzare le riserve di glicogeno per l’esercizio ad alta intensità, mentre il grasso aiuta ad alimentare il vostro corpo per gli allenamenti meno intensi e di più lunga durata. Le proteine migliorano la sintesi proteica muscolare e aiutano con il recupero.

Salmone e riso pre-workout
Salmone al papavero con riso rosso e cavoletti

Il consiglio migliore quindi è quello di consumare anche prima dell’allenamento un piatto unico completo e bilanciato che ti aiuti ad accumulare le energie necessarie senza appesantirti: spunti di ricette ideali da consumare prima dell’allenamento le puoi trovare anche nel nostro menù settimanale che, se sei pigro in cucina o hai poco tempo, puoi ordinare a domicilio in tutta Italia in pochi click.

I piatti di NutriBees sono infatti comodissimi per questo scopo in quanto, conservandosi in frigorifero (senza conservanti) fino a 20 giorni, ti permettono di avere sempre a disposizione una alternativa sana e gustosa da consumare prima dei tuoi allenamenti in palestra. 

Tacchino pre-workout
Tagliata di tacchino con quinoa speciale, fagiolini e funghi

Alcune ricette particolarmente al pre allenamento sono sicuramente le due che trovi in foto ovvero il Salmone al papavero con riso rosso e cavoletti e la Tagliata di tacchino con quinoa speciale, fagiolini e funghi: come vedi anche in questo caso il bilanciamento tra proteina (carne bianca o pesce), carboidrati (riso) e verdure è sempre presente.

10 cibi da consumare prima dell’allenamento

Se invece volessi una lista di singoli cibi indicati per aiutarvi a scegliere cosa mangiare prima della palestra, di seguito puoi trovate 10 cibi che possono fare al caso tuo.

  1. Gallette
  2. Avena
  3. Pane integrale
  4. Banane
  5. Frutta secca
  6. Albume
  7. Yogurt graco
  8. Proteine in polvere
  9. Carni magre
  10. Cafè
Il pacco di NutriBees
Il pacco di NutriBees
Lifestyle, Trends

Regali di Natale originali. 5 motivi per regalare un alveare.

Nutribees e 3Bee

Ogni anno quando si avvicina il Natale abbiamo due grandi sfide: restare leggeri per mantenere le buone abitudini prima delle grandi abbuffate in famiglia e trovare regali di Natale originali e perfetti per i nostri cari. Come possiamo conciliare tutti i nostri impegni con queste due missioni impossibili? NutriBees ha trovato la soluzione, offrendoti piatti sani e bilanciati per affrontare senza pensieri il periodo prima e dopo le feste, ma non solo. Ha trovato il regalo perfetto, capace di fare felici tutti, anche l’ambiente. 

Per Natale NutriBees si è regalata un alveare di 3Bee, per prendersi cura di 60.000 api e impegnarsi in un’iniziativa etica e sostenibile. NutriBees infatti, che si prende cura ogni giorno del benessere delle persone con piatti pronti fatti di ingredienti freschi e salutari, conosce bene l’importanza di una catena alimentare controllata. La produzione del cibo che mangiamo infatti dipende direttamente o indirettamente dall’attività di impollinazione delle api. Oggi però le api sono messe in grave pericolo dai cambiamenti climatici e dall’uso sconsiderato di agro farmaci e pesticidi. Per questo 3Bee ha ideato un’iniziativa per proteggerle e monitorarle e NutriBees, che sa bene quanto è importante la qualità del cibo che mangiamo, ha deciso di sostenerla.

L'alveare di NutriBees
L’alveare di NutriBees

Come regalare un alveare

3Bee è una green startup che sviluppa sistemi intelligenti per prendersi cura delle api, monitorando la loro salute e attività di impollinazione, che è cruciale per il benessere dell’ambiente. Grazie al loro sistema Hive-Tech, infatti, permettono agli apicoltori di monitorare costantemente i propri alveari, aiutando a individuare con tempismo l’insorgere di malattie e altri problemi che potrebbero influire sull’attività degli animali. Le iniziative di 3Bee però non sono rivolte solo agli apicoltori ma a tutti coloro che vogliono fare un gesto per il bene dell’ambiente. Infatti, chiunque può adottare o regalare un alveare per un intero anno, durante il quale gli apicoltori se ne prenderanno cura e tu potrai monitorare le tue api da pc o smartphone in modo facile e divertente.

Adottare un alveare è facile e divertente e può diventare il regalo perfetto. Ecco 5 motivi per cui un alveare è uno tra i regali di Natale originali da fare quest’anno.

Alveari
Alveari di 3Bee

1. È un regalo di Natale originale e unico

Con l’iniziativa di 3Bee “adotta un alveare” potrai scegliere tra varie apicolture, situate in località diverse, il tipo di miele prodotto e la tua arnia. Un alveare è un regalo unico non solo perché originale ma anche perché chi riceve l’alveare sarà direttamente coinvolto nel monitoraggio delle sue api, della loro salute e dell’attività di impollinazione. Così fare un gesto per il bene dell’ambiente risolverà la tua ricerca dei regali di Natale originali e divertenti e farai contento chiunque lo riceverà.

2. Fai qualcosa di importante per l’ambiente

L’attività di impollinazione è importante per l’ecosistema e per mantenere la biodiversità. Senza questi animaletti instancabili il mondo e la natura sarebbero molto diversi da quelli che conosciamo. Infatti, trasportando il polline di fiore in fiore le api hanno il cruciale compito di favorire la riproduzione delle piante: più piante assorbono quantità maggiori di anidride carbonica. Inoltre, le api mantengono la biodiversità degli ecosistemi, mantenendo la natura più ricca e varia.

Apicoltore
Apicoltore

3. Proteggi la filiera alimentare controllata

Le api sono fondamentali per il nostro pianeta e, di conseguenza, per la catena alimentare tutta: il cibo che mangiamo, infatti, dipende direttamente o indirettamente dall’attività di impollinazione delle api. In Europa un terzo del cibo prodotto, circa 4.000 tipi di frutta e verdura, dipende dall’impollinazione diretta delle api. Non a caso proprio l’ape è fin dalla nascita il logo di NutriBees che, dopo questa collaborazione, potrà contare su oltre 60.000 piccole mascotte.

4. È un regalo di Natale… doppio!

Con l’adozione di un alveare riceverai il miele prodotto dalle tue api, che hai sostenuto, curato e monitorato per un anno intero. Così il tuo regalo di Natale non sarà solo il più originale, ma anche il più ricco e, dopo un anno, il destinatario del regalo riceverà dell’ottimo miele prodotto in modo protetto e controllato. Oltre all’alveare, quindi, farai anche un regalo buonissimo e genuino che nessuno si aspetta.

5. È un regalo di Natale etico

Quale migliore occasione del Natale per fare del bene e impegnarsi in iniziative per la salvaguardia dell’ambiente? Adottando un alveare sostieni gli apicoltori, che con il loro lavoro si assicurano che le api crescano forti e sane, e che la loro attività di impollinazione proceda senza problemi. Grazie a loro non solo abbiamo prodotti genuini sulle nostre tavole ma l’ecosistema e la biodiversità si preservano. Per questo 3Bee ha ideato sistemi per supportare l’attività degli apicoltori in modo intelligente e tu, regalando un alveare, puoi dare un importante contributo.

I piatti di NutriBees
I piatti di NutriBees

Un’idea regalo così creativa e originale non può certo rimanere segreta, per questo NutriBees ha deciso di condividerla con tutti i suoi clienti. La prima settimana di dicembre ti offre il 5% di sconto per adottare un alveare 3Bee per Natale. Cosa c’è di meglio di avere piatti pronti e salutari per prepararsi alle feste senza il pensiero di cucinare insieme a un’idea per i tuoi regali di Natale originali? Scopri tutti i piatti dal menù di NutriBees e come adottare le tue api su 3Bee.


Health & Wellness, Lifestyle

Perchè mangiare in compagnia fa bene alla salute?

mangiare il pranzo in compagnia

Mangiare in compagnia di amici e famigliari è una soluzione facile e piacevole per stare meglio e prendersi cura del proprio benessere quando si è a tavola. Ma perchè mangiare seduti in compagnia di altre persone mentre si mangia si può definire un’abitudine salutare?

Purtroppo, oggi abbiamo sempre meno tempo di stare seduti a tavola e prenderci una pausa dai nostri impegni per goderci un pasto lungo e in compagnia. Questo succede soprattutto in ufficio, dove la pausa pranzo è veloce e, per i troppo impegni, si è spesso costretti a consumarla alla scrivania. Mangiare davanti al computer da soli non fa bene all’umore, ma non solo: ci spinge a scegliere cibi poco sani, che si possono ordinare senza lasciare la scrivania o addirittura a saltare i pasti.

pranzo da soli
Pranzare da soli

Al contrario, mangiare in compagnia può migliorare il tuo benessere, facendoti sentire meglio sia psicologicamente, sia fisicamente. Ecco i 4 motivi per cui un pasto in compagnia potrebbe essere la cosa più salutare sul menù.

1.Meno stressati e più felici

Il pasto è da sempre un momento associato con la socievolezza e la condivisione. Mangiare in compagnia, infatti, è una delle azioni che più stimolano la costruzione di relazioni sociali. Inoltre, si è condotta una ricerca sul piacere e sullo stress legati al mangiare insieme ad altri. Tale studio ha rivelato che mangiare con altre persone incoraggia l’organizzazione di attività e la costruzione di situazioni che in generale sono associate con il piacere.

Mangiare insieme ai colleghi allora sarà utile a porre le basi per relazioni migliori sul posto di lavoro e renderà il tempo passato in ufficio più piacevole. Grazie a questo, si potrà ridurre lo stress sul lavoro, ritagliandosi un momento felice ogni giorno per svagarsi dagli impegni quotidiani. Prendersi una pausa sufficiente per staccare da ciò che si sta facendo, inoltre, può aumentare la produttività sul lavoro nella seconda parte della giornata.

Lavorare e mangiare in compagnia
Lavorare e mangiare in compagnia

2.Mangerai più sano e migliorerai il tuo benessere generale

Non avere un momento condiviso durante la giornata per consumare il pasto in compagnia di amici e colleghi porta molte persone a saltare i pasti, soprattutto il pranzo, o a sgranocchiare la prima cosa che capita, magari presa alla macchinetta automatica.

Non saltare i pasti è la prima regola della pausa pranzo in ufficio. Il pranzo, in particolare, è un momento molto importante nella giornata lavorativa:

-è un momento per staccare a metà giornata, riposando la mente per affrontare il resto del giorno in modo produttivo

-è importante scegliere il pranzo giusto: deve essere leggero ma nutriente, per non sentirsi stanchi nelle ore successive al pranzo, ma avere la giusta dose di energia

-è il momento giusto per alzarsi e sgranchirsi le gambe. Mangiare in compagnia dei colleghi e poi uscire per un caffè è un modo per non stare seduti tutto il giorno.

pausa caffè con i colleghi
Pausa Caffè

3.Mangerai nelle giuste quantità:

Mangiare mentre si fa altro, come lavorare al computer, distoglie l’attenzione dal senso di sazietà e si rischia così di mangiare più del necessario senza accorgersene.

Per questo è importante definire un tempo limitato per la pausa pranzo in cui ci si concentra solo sull’atto di mangiare. Condividere il momento del pasto con altri aiuta a stabilire la durata del pasto, dato che poi tutti dovranno tornare nel proprio ufficio. Al contrario, per mangiare in solitudine alla scrivania non è necessario definire un limite di tempo. Così si potrebbe continuare a “pasticciare” al posto di fare un pasto completo e ben bilanciato.

NutriBees Healthy Food Delivery
Nutribees, Healthy Food Delivery

4. Le buone abitudini sono contagiose.

All’interno di un ufficio dove tutti mangiano per conto proprio si finisce per mangiare da soli anche se non si vorrebbe. Invece, coinvolgere i colleghi invitandoli a pranzo è un buon modo per diffondere le buone abitudini.

Per questo noi di NutriBees abbiamo pensato a tante soluzioni per la pausa pranzo in ufficio. Avere piatti salutari sempre pronti per tutti i dipendenti è la soluzione per una pausa pranzo sana e conviviale. Spesso, infatti, ognuno ordina piatti a domicilio per sé, finendo per farsi tentare da soluzioni poco salutari. Ordinando i piatti di NutriBees per tutti, invece, aiuterà a non isolarsi con il proprio pranzo alla scrivania e darà un’alternativa sana sempre pronta, perfetta per la pausa pranzo.

Health & Wellness, Lifestyle

Come mangiare sano in modo facile. Il segreto è rimanere motivati.

trovare l'equilibrio per rimanere motivati

Trovare la giusta motivazione per iniziare a seguire una dieta sana e muoversi di più è molto difficile. Ancora più difficile però è rimanere motivati e continuare sulla buona strada. Per questo è fondamentale trovare il giusto equilibrio in modo da poter mantenere le buone abitudini a lungo e farle diventare uno stile di vita. Mangiare sano diventa facile se si trova la giusta motivazione.

Pianificare e organizzarsi
Organizzarsi per motivarsi a mangiare sano

Quante volte capita di iniziare una nuova dieta (spesso “fai da te”) e rinunciare appena ci mettono davanti la prima fetta di torta? O di iscriversi in palestra e semplicemente smettere di andare trovando mille scuse? La causa più comune per questi insuccessi è non aver trovato la giusta motivazione per continuare con le buone abitudini. Ma esiste una ricetta perfetta per non abbandonare dieta e attività fisica costante alla prima difficoltà?

Ecco allora 5 consigli utili per costruire e mantenere uno stile di vita più sano e cambiare le proprie abitudini senza sforzo.

1. Bastano 9 settimane

Porsi degli obiettivi a breve termine è importante per rimanere concentrati sul traguardo da raggiungere. Una ricerca del 2010, pubblicata sul European Journal of Social Psychology, ha affermato che in media ci vogliono 66 giorni per creare un’abitudine.

Rimanere motivati ad allenarsi
Allenarsi con costanza

Questo vuol dire che se si riesce a mantenere un comportamento salutare, come fare attività fisica regolare o mangiare in modo sano, per circa 9 settimane, questo diventerà un’abitudine. A questo punto ci verrà naturale continuare su questa strada e mangiare sano non sembrerà un sforzo ma diventerà la normalità.

Impegnarsi a mangiare in modo salutare o ad andare in palestra con costanza solo per 9 settimane ci sembrerà un obiettivo facilmente raggiungibile. Pensare “forza, mancano solo 4 settimane”, può dare la motivazione giusta per non abbandonare, mentre non avere un traguardo prefissato non aiuta ad andare avanti. Così, una volta raggiunto l’obiettivo, il nostro comportamento salutare sarà diventato un’abitudine facile da mantenere.

2. Fissa obiettivi chiari e raggiungibili.

Abbiamo già detto quanto sia importante porsi obiettivi e traguardi che non sembrino impossibili per rimanere motivati. I nostri obiettivi devono essere chiari e semplici, per esempio “fino a Natale vado in palestra ogni lunedì, mercoledì e venerdì”. In questo modo non si lascia spazio a scuse e si possono pianificare le proprie settimane secondo questi buoni propositi.

Anche nella dieta è importante fissarsi piccoli traguardi per rimanere motivati, piuttosto che cercare di rivoluzionare tutto d’un tratto la propria alimentazione. Decidere di eliminare i dolci dopo cena durante la settimana e sostituirli con un frutto può sembrare difficile ma non impossibile. Invece, le diete troppo restrittive, come quelle che vietano totalmente i carboidrati, faranno perdere la motivazione facilmente perchè ci si rende conto che non sono sostenibili.

Concentrarsi e rimanere motivati
Concentrati sugli obiettivi

3. Concediti ciò che ti piace

Per rimanere motivati a mangiare sano è giusto premiarsi per i propri sforzi. Questo non significa cadere in abbuffate che portano tanti sensi di colpa ma concedersi con moderazione i propri cibi preferiti. Una dieta troppo restrittiva, che costringe a rinunciare a tutto ciò che ci piace non può andare avanti per molto. Invece, godersi i bei momenti in compagnia, come compleanni e ricorrenze, senza sensi di colpa è la chiave per riprendere subito le buone abitudini più motivati che mai.

Rimanere motivati concedendosi i cibi preferiti
Mangiare in compagnia

4. Trova il modo di “ingannarti”

Mentire a sé stessi non sembra il modo migliore per restare motivati e vivere più sano ma raccontarsi delle piccole “bugie” può aiutare ad andare avanti sul cammino giusto. Per convincersi ad andare in palestra anche dopo una lunga giornata, per esempio, aiuterà pensare “vado, ma rimango solo 20 minuti”. Così si supererà più facilmente lo scoglio di andare in palestra e una volta iniziato si finirà per portare a termine l’allenamento.

Lo stesso vale per il cibo sano. Per trovare la giusta motivazione a mangiare più verdura, per esempio, basterà “camuffarla” con ricette divertenti. Polpettine di verdura e legumi, vellutate, chips di verdure cotte al forno sono tutte ottime alternative ai soliti vegetali bolliti. Così l’alimentazione sana sarà varia e appetitosa e sarà facile rimanere motivati e seguirla con costanza.

Polpette di verdure
Pepite arancioni di carote, peperoni, zucca e curcuma con finocchi al sesamo

5. Sfrutta tutti gli aiuti possibili

Oggi ci sono sempre più app e servizi che possono aiutare a tenere sotto controllo i risultati e a raggiungere i propri obiettivi. Spesso, infatti, il vero problema è la mancanza di tempo che rende difficile allenarsi con costanza o cucinare sempre qualcosa di sano.

Si possono allora cercare programmi di allenamento da svolgere a casa in breve tempo e affidarsi a servizi di healthy food delivery. Noi di NutriBees ti portiamo a casa ogni settimana piatti pronti salutari preparati con ingredienti freschi. Puoi scegliere ogni settimana tra tante ricette diverse che arrivano pronte da gustare, senza dover passare tempo ai fornelli. Così sarà facile rimanere motivati a seguire un’alimentazione sana e varia senza rinunciare alla bontà.

Lifestyle

I migliori cibi sazianti e salutari per controllare la fame.

attacco di fame

Il senso di fame incontrollabile è il peggior nemico della tua dieta. Per questo è importante scegliere cibi sani e leggeri ma sazianti, per controllare la fame e non cadere in abbuffate e “pasticci”.Infatti, nutrizionisti ed esperti di alimentazione consigliano sempre di non saltare pasti e spuntini e non far passare troppo tempo tra un pasto e l’altro. Lo scopo è evitare i famosi “attacchi di fame” che ci portano a esagerare e a mangiare la prima cosa che capita, perché semplicemente “non se ne può più”.

Saltare pasti e spuntini, inoltre, può innescare un circolo vizioso e finisce per mangiare in eccesso al pasto successivo. Così pensiamo “tanto a pranzo non ho mangiato” mentre, in preda alla fame, ordiniamo pizza e gelato per cena.

controllare la fame
Attacco di fame

Bisogna quindi trovare delle strategie efficaci per evitare di arrivare al punto di non ritorno e controllare la fame. Così potremo sempre fare a scelta migliore per i nostri pasti e scegliere l’opzione più salutare senza farci condizionare dallo stomaco che brontola.

Un’ottima strategia per evitare che la fame ti prenda di sorpresa è bilanciare bene i pasti scegliendo alimenti salutari ma sazianti, così arriverai al pasto successivo serenamente. Per aiutarti a fare questo ti consigliamo cibi leggeri ma nutrienti, così potrai affrontare il resto della giornata con la giusta energia senza sgarrare.

I migliori cibi per controllare la fame

Cosa rende un cibo più saziante di altri? La prima regola è che sia un alimento naturale e non un prodotto industriale e raffinato. Infatti, la produzione industriale fa perdere molte proprietà dei cibi, rendendoli meno nutrienti. Invece, cibi ricchi di proteine, fibre e acqua, sono i migliori alleati della dieta e ti aiutano a controllare la fame..

Quinoa semi-cereale saziante
Quinoa

Quinoa

La quinoa è un concentrato di proteine vegetali, ottime per controllare la fame. Infatti, è considerata un simil-cereale con proprietà straordinarie, come la ricchezza di proteine e di fibre. Può infatti essere considerata una fonte quasi completa di proteine, che la rende un elemento immancabile in una dieta sana a base vegetale. Inoltre, rispetto ad altri cereali integrali la quinoa contiene più fibre, che portano senso di sazietà e molti benefici all’apparato digerente. Come riso e farro la quinoa è ottima se abbinata con tante verdure colorate, per creare un piatto vegano completo e appetitoso, come la nostra Quinoa Tricolore con Patata Viola e Verdure Fini.

Cavolo verdura non amidacea
Cavolfiore

Verdure non amidacee

Le verdure non amidacee sono quelle prive di amido, sono famose per le loro proprietà sazianti e si distinguono da altri vegetali più ricchi di carboidrati. Le verdure non amidacee più amate e semplici da includere nei tuoi pasti salutari sono broccoli, cavoli, carciofi, asparagi, spinaci, biete, sedano… insomma la lista è davvero lunghissima e lascia spazio per creare ricette sane, creative e con tanti ingredienti diversi. Noi le amiamo abbinate a tipi diversi di riso, dal riso rosso integrale al basmati, come nei nostri piatti Pollo Tandoori con Riso Basmati e Broccoli e Salmone al Papavero con Riso Rosso e Cavoletti.

Frutti di bosco per controllare la fame
Frutti di bosco

Yogurt greco e frutti di bosco

Per i tuoi spuntini evita cibi industriali ricchi di zuccheri semplici, come biscotti e snack dolci, che sono poco nutrienti e ipercalorici. Meglio optare per qualcosa di altrettanto goloso, naturale e ricco di proprietà benefiche come lo yogurt greco abbinato alla frutta. Il primo è ricco di proteine che prolungano il senso di sazietà fino al pasto successivo. La frutta invece è ricca di acqua e fibre e riempie senza aggiungere troppe calorie. I frutti di bosco, in particolare, fanno parte della frutta a basso indice glicemico e sono particolarmente ipocalorici. Sono però ottimi per soddisfare la voglia di uno snack dolce come alternativa sana a caramelle e cioccolatini.

Salmone, riso nero e edamame
Salmone con riso nero “green”

Salmone

Le proprietà benefiche del salmone sono davvero tantissime e rendono questo pesce un ottimo alleato per la dieta. Il salmone è ricco di Omega-3 e grassi “buoni” ed è una delle fonti proteiche più sane a differenza della carne rossa, che va moderata. Studi scientifici, inoltre, hanno provato che chi privilegia il consumo di pesce su quello di carne ha un senso di sazietà maggiore e riesce più facilmente ad affrontare la giornata mantenendo la regolarità dei pasti. Per questo il salmone è uno degli ingredienti più amati da noi e da chi prova i nostri piatti. Tra i nostri best-seller infatti c’è il Filetto di Salmone con Riso Nero Green, un piatto leggero ma super nutriente.

Pranzo pronto e salutare
Lunch box

Un ultimo consiglio per una pausa pranzo salutare, per esempio, è avere il proprio piatto sano già pronto, così non dovrai uscire in cerca di qualcosa i buono e salutare quando sei affamato, correndo il rischio di cadere nella tentazione della pizzeria sotto l’ufficio.

Per questo abbiamo pensato a piatti pronti salutari e completi ma anche invitanti, che possono essere conservati in frigo fino a 20 giorni. Così avrai sempre disponibili i tuoi pranzi e le tue cene salutari pronti in tre minuti e potrai stare alla larga dalle tentazioni.

Lifestyle, Trends

Giornata Mondiale dell’Alimentazione (GMA) 2019.

Giornata Mondiale dell'Alimentazione

Ogni anno il 16 ottobre si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione e l’anniversario della fondazione della FAO (L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura). Questa giornata mondiale, chiamata anche World Food Day, è una delle più importanti del calendario dell’ONU, in onore della quale ognuno dei 150 Paesi delle Nazioni Unite organizza proposte per richiamare l’attenzione sull’obiettivo #FAMEZERO.

“Le nostre azioni sono il nostro futuro. Un’alimentazione sana per un mondo #famezero”

Questo è l’appello della FAO nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione per attirare l’attenzione sul tema della scorretta alimentazione. L’obiettivo #FAMEZERO infatti, non consiste solo nella lotta contro la fame nelle regioni sottosviluppate del mondo ma comprende anche la diffusione di una sana alimentazione nei Paesi sviluppati.

Cucinare per mangiare sano
Cucinare ricette sane

Il problema dell’alimentazione oggi

I fenomeni della globalizzazione, dell’urbanizzazione e l’aumento dei redditi nei Paesi sviluppati hanno cambiato il nostro modo di mangiare. Infatti, oggi si sono affermate nuove abitudini alimentari poco bilanciate che non riescono a fornirci la giusta quantità di nutrienti necessari per la nostra salute.

La dieta dei nostri nonni e bisnonni era composta da cibi poco raffinati, come riso e farine integrali, naturalmente ricchi di fibre. Si consumavano solo frutta e verdura di stagione e molti più semi e frutta secca, che sono un’ottima fonte di energia e grassi “buoni”. Inoltre, si cucinava quotidianamente e i pasti venivano consumati attorno al tavolo, in compagnia di tutta la famiglia.

Mandorle e anacardi fonte di grassi buoni
Mandorle e anacardi fonte di grassi buoni

Con il cambiamento degli stili di vita sempre più frenetici e la nascita dei fast food, si è persa la buona abitudine di cucinare a casa tutti i giorni, con ingredienti locali e genuini. Inoltre, si è ridotto il tempo dedicato al pasto, che viene sempre più spesso consumato in solitudine e di fretta.

In linea con lo stile di vita contemporaneo anche la preparazione del pasto è spesso ridotta al minor tempo possibile. Si privilegiano dunque gli alimenti confezionati, altamente raffinati, e si riduce il consumo di ingredienti freschi che conservano i propri nutrienti ma richiedono una preparazione più lunga.

Il risultato di questo cambiamento è stata la diffusione di una dieta poco bilanciata, ricca di zuccheri, cereali raffinati, sale e grassi, e abitudini alimentari poco equilibrate, con un consumo eccessivo di carne e cibi di origine animale. Tali abitudini, unite allo stile di vita sedentario sempre più diffuso, hanno portato a una crescita dei tassi di obesità sia nei Paesi sviluppati, sia nei Paesi a basso reddito, dove l’obesità e la fame sono problemi che convivono. Proprio questo si intende per malnutrizione e dieta scorretta, ovvero i focus della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2019.

Una dieta corretta

Il problema della diffusa dieta scorretta è che si ingeriscono quantità di cibo maggiori rispetto a quelle che il nostro corpo richiede, ma si soffre comunque di importanti deficit alimentari. Le vitamine e le fibre, per esempio, si perdono facilmente nel processo di raffinazione dei cibi, ecco perché gli alimenti di origine industriale non forniscono il giusto apporto di nutrienti al nostro organismo, nonostante si mangi molto.

Fast food e dieta scorretta
Fast food

Al contrario, una dieta corretta deve comprendere alimenti più nutrienti e sicuri, consumati in quantità minore. Un’alimentazione sana, infatti, deve essere varia e seguire le direttive generali che ci fornisce la piramide alimentare, tra cui troviamo:

-consumare quotidianamente di frutta e verdura;

-privilegiare proteine e grassi di origine vegetale, come quelli nei legumi, nell’olio d’oliva e nella frutta secca;

-scegliere cereali integrali e amidi poco raffinati, come il riso integrale;

-ridurre gli alimenti ricchi di grassi, zucchero e sale, come dolci e fast food, che andrebbero consumati al massimo una volta al mese.

La promozione della dieta corretta con l’aiuto di tutti i settori è l’obiettivo della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2019.

Piramide alimentare per dieta corretta
La piramide alimentare

Cosa fa NutriBees

NutriBees sa bene quanto sia importante assumere con il cibo tutti i nutrienti necessari per il nostro benessere e per darci l’energia a di condurre uno stile di vita attivo. Per questo collaboriamo con esperti di nutrizione per pensare ricette bilanciate, sane e complete di tutti i nutrienti.

Riso rosso integrale per dieta sana
Riso rosso integrale

Sappiamo anche che lo stile di vita contemporaneo è frenetico e che non tutti hanno il tempo di prepararsi quotidianamente piatti equilibrati, fatti di ingredienti freschi per fare il pieno di fibre, vitamine e tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno. Ecco perchè abbiamo pensato a un servizio che dia a tutti la possibilità di mangiare sano, equilibrato e in poco tempo. Agiamo concretamente per promuovere uno stile di alimentazione più sano con:

-piatti completi con tutti i macro-nutrienti: proteine, carboidrati, grassi e fibre;

-ingredienti freschi, conservati in atmosfera protetta per mantenere la bontà e i nutrienti intatti e permettere la conservazione in frigo fino a 20 giorni;

-un menù con ricette sempre nuove, così mangiare sano non sarà un sacrificio ma un piacere da scoprire;

Riso alla menta per dieta corretta
Riso alla menta con piselli e pinoli

-piatti ideati per incontrare le esigenze di tutti, grazie al test nutrizionale che ci aiuta a offrirti le migliori ricette in base ai diversi stili alimentari e a eventuali intolleranze.

-promozione di un’alimentazione equilibrata e varia

-spedizione in tutta Italia.

Pensiamo ogni giorno a offrirti una cucina bilanciata e piatti che facciano sentire bene, così che gli impegni quotidiani non siano un ostacolo al tuo benessere. E alla fine avrai più tempo per fare ciò che ami.

Health & Wellness, Lifestyle, Trends

Additivi alimentari: dove si trovano e cosa fanno

Additivi alimentari

Dando un’occhiata alle etichette dei tuoi alimenti in cucina, avrai buone probabilità di individuare degli additivi alimentari, sostanze chimiche utilizzate per migliorare l’aspetto, il sapore o la consistenza di un prodotto o per estenderne la durata.

Molti degli additivi alimentari utilizzati dall’industria alimentare si trovano in alimenti che la gente mangia ogni giorno (ad esempio, il MSG si trova anche nel parmigiano).

Quando non sei sicuro che un prodotto contenga o meno un additivo, controlla l’etichetta. Possono capitare ingredienti elencati che contengono additivi alimentari senza menzionarli sull’etichetta. Ad esempio, la “margarina” potrebbe essere un caso di ingrediente elencato che contiene additivi alimentari.

NutriBees si impegna ogni giorno nell’offrire ai suoi clienti piatti totalmente esenti da qualsiasi tipo di additivi alimentari grazie all’impegno dei suoi chefs.


additivi alimentari


Cosa fanno gli additivi alimentari?

Per la maggior parte delle persone, gli additivi non sono un problema a breve termine. Ci sono additivi alimentari che hanno più probabilità di altri di causare reazioni nelle persone sensibili e sono spesso gli additivi che vengono usati per dare ad un alimento una qualità commerciabile, come il colore, che più comunemente causa reazioni allergiche.

Alcune di queste reazioni ipersensibili includono:

  • Disturbi digestivi – dissenteria e coliche.
  • Disturbi nervosi – iperattività, insonnia e irritabilità.
  • Problemi respiratori – asma, rinite e sinusite.
  • Problemi di pelle – orticaria, prurito, eruzioni cutanee e gonfiore.

La diagnosi medica è importante. Se pensi di avere una sensibilità agli additivi alimentari, è importante cercare un aiuto professionale poiché tutti i sintomi che potresti riscontrare, possono essere causati anche da altri disturbi.

Può aiutare avere un diario alimentare sul quale annotare attentamente eventuali reazioni avverse. Nel caso in cui venga identificata una sensibilità, la pratica abituale è quella di eliminare tutti gli alimenti sospetti dalla dieta e quindi reintrodurli uno per uno per vedere quale additivo (o additivi) provoca la reazione. Questo dovrebbe essere fatto solo sotto controllo medico, poiché alcune delle reazioni – come l’asma – possono essere gravi.

Capiamo benissimo la difficoltà e la mancanza di voglia che si ha nel controllare ogni volta che si acquista qualcosa l’etichetta. Questa è una delle ragioni per cui è nato il nostro servizio: offrire cibo di qualità e sano per evitare qualsiasi tipo di problema.

infografica additivi alimentari


Quali cibi contengono additivi alimentari e cosa evitare

Di seguito saranno illustrati i 4 principali additivi alimentari e i cibi in cui è possibile trovarli:

1- Nitrato di sodio

Frequentemente presente nelle carni lavorate, il nitrito di sodio agisce come conservante per prevenire la crescita dei batteri e allo stesso tempo aggiunge un sapore salato e un colore rosa-rossastro.

Se esposti a calore elevato e in presenza di aminoacidi, i nitriti possono trasformarsi in nitrosamina, un composto che può avere molti effetti negativi sulla salute.

Una ricerca ha dimostrato che un’assunzione più elevata di nitriti e nitrosamina era associata a un rischio più elevato di cancro allo stomaco.

Tuttavia, è meglio mantenere l’assunzione di nitrito di sodio e di carni lavorate al minimo. Prova a scambiare carni lavorate come pancetta, salsiccia, hot dog e prosciutto per carne non trasformata e fonti salutari di proteine.

Pollo, manzo, pesce, maiale, legumi, noci e uova sono deliziosi cibi ricchi di proteine ​​che puoi aggiungere alla tua dieta al posto delle carni lavorate.

2- Glutammato monosodico (MSG)

Il glutammato monosodico, o MSG, è un additivo alimentare comune usato per intensificare e migliorare il sapore dei piatti salati.

Si trova in una varietà di alimenti trasformati come cene surgelate, snack salati e zuppe in scatola. Viene anche spesso aggiunto agli alimenti nei ristoranti e nei fast food.

Il MSG è stato oggetto di accese polemiche da quando uno studio ha scoperto che grandi quantità causavano effetti neurologici dannosi e compromissione della crescita.

In alcune ricerche, il consumo di MSG è stato anche associato ad aumento di peso e sindrome metabolica in alcuni studi osservazionali.

Detto questo, alcune persone hanno una sensibilità al MSG e possono manifestare sintomi come mal di testa, sudorazione e intorpidimento dopo aver mangiato una grande quantità.

additivi alimentari


3- Coloranti alimentari artificiali

La colorazione alimentare artificiale è utilizzata per illuminare e migliorare l’aspetto di qualsiasi cosa, dalle caramelle ai condimenti.

Negli ultimi anni, tuttavia, ci sono state molte preoccupazioni riguardo ai potenziali effetti sulla salute. Coloranti alimentari specifici come Blue 1, Red 40, Yellow 5 e Yellow 6 sono stati associati a reazioni allergiche in alcune persone. Inoltre, una ricerca ha riportato che la colorazione alimentare artificiale può promuovere l’iperattività nei bambini.

Il Red 3, noto anche come eritrosina, ha dimostrato di aumentare il rischio di tumori della tiroide in alcuni studi sugli animali, causando la sua sostituzione con altri coloranti nella maggior parte degli alimenti.

I coloranti alimentari si trovano principalmente negli alimenti trasformati che dovrebbero essere limitati in una dieta sana. Consigliamo di optare per cibi integrali che contengono più nutrienti importanti e sono privi di coloranti artificiali.

4- Grassi trans

I grassi trans sono un tipo di grasso insaturo che, avendo subito idrogenazione, aumenta la durata di conservazione e migliora la consistenza dei prodotti. Può essere trovato in molti tipi di alimenti trasformati come i prodotti da forno, la margarina, i popcorn da microonde e i biscotti.

In particolare, più studi hanno collegato un’assunzione maggiore di grassi trans con un rischio più elevato di malattie cardiache. Altri studi, invece, indicano il fatto che potrebbe esserci una connessione tra grassi trans e diabete

Tagliare gli alimenti trasformati dalla vostra dieta è il modo più semplice ed efficace per ridurre l’assunzione di grassi trans. In alternativa ti suggeriamo delle semplici sostituzioni, ad esempio usare burro invece di margarina e scambiare oli vegetali con olio d’oliva o olio di cocco.


Se dopo aver letto questo articolo hai capito la pericolosità nell’assumere quotidianamente cibi contenenti queste sostanze, ti consigliamo di provare NutriBees e scoprire la comodità di ricevere piatti pronti a domicilio di qualità e senza alcun additivo alimentare.

Lifestyle

Cibo a domicilio a Bologna

Come Funziona

Cibo a domicilio a Bologna? Con NutriBees hai la soluzione in pochi click

Stanco di dover far la spesa, cucinare e poi dover lavare? Stanco della solita pausa pranzo triste in ufficio? Grazie a NutriBees, la risposta diventa semplice e sana anche a Bologna e provincia. NutriBees è infatti il primo servizio in Italia che ti consegna a domicilio piatti pronti bilanciati e naturali solo da scaldare. Il menù varia ogni settimana e include più di 30 proposte tra cui ricette italiane e etniche, proposte vegetariane e vegane e senza glutine. Lascia perdere i fornelli e goditi il tuo tempo libero in famiglia o con gli amici ordinando 24 ore su 24 direttamente online i nostri piatti gourmet e permettici di diventare i tuoi chef a domicilio preferiti il tuo ristorante di consegna cibo di fiducia.

Cibi buoni, sani e comodi consegnati a casa tua a Bologna

Nessun indirizzo è troppo lontano per il nostro servizio di consegna cibo! Il funzionamento è infatti molto semplice: entrando nel nostro sito potrete consultare il nostro menù online e scegliere tra oltre 30 piatti da ricevere a domicilio. Se foste attratti da troppe ricette e non sapeste cosa scegliere, potrete utilizzare il nostro test nutrizionale gratuito che, in base ai vostri dati, vi consiglierà i migliori piatti per voi. I nostri pacchetti si compongono da 5,6, 10 o 12 piatti che possono essere ricevuti con una singola consegna o in abbonamento settimanale: soluzione molto comoda ad esempio per la pausa pranzo con i colleghi. Una volta scelto il box migliore per voi non dovrete far altro che completare l’acquisto selezionando il giorno di consegna tra martedì e giovedì e rilassarvi in attesa che i nostri chef inizino a lavorare per voi. La consegna avviene settimanalmente e include tutti i piatti pronti per la settimana che potranno poi essere conservati in frigorifero fino a 20 giorni.

Ordina Ora

Affidati a NutriBees per i tuoi ordini a domicilio a Bologna

Quante volte ti sei trovato a tornare a casa tardi dall’ufficio con il frigo vuoto e ricorrere alla solita pizza o kebab del ristorante sotto casa? Con NutriBees la musica finalmente cambia. Con i nostri piatti pronti potrai infatti avere la garanzia di avere in frigorifero piatti gourmet che, grazie alla conservazione in atmosfera protettiva, potrai conservare fino a 20 giorni e scaldare semplicemente in microonde, forno o padella senza dover aspettare il fattorino. In pochi minuti potrai quindi gustare la tua cena e avere più tempo per te grazie al nostro servizio di consegna pasti.
Potrai scegliere tra piatti tradizionali, pizza, ramen, poke, sushi, asiatici, sudamericani, vegetariani e senza glutine: il menù varia ogni settimana a discrezione della fantasia dello chef. I nostri pasti possono essere utilizzati sia a scopo dimagrante sia semplicemente per non avere stress ai fornelli. Più di 30.000 utenti hanno già provato il nostro servizio, anche a Bologna e provincia ricevendo i nostri piatti pronti per la settimana. Di seguito alcune recensioni ricevute sul nostro servizio da utenti che hanno apprezzato la comodità e l’innovazione del nostro servizio di consegna cibo online.

Recensione Bologna Consegna Cibo a domicilio

Stop alle pause pranzo tristi a Bologna in un click

Sappiamo molto bene che in pausa pranzo può diventare difficile riuscire a mangiare in maniera buona e bilanciata: nessun tempo di mettersi ai fornelli la sera prima e spesso poca offerta nei dintorni. Per questi motivi NutriBees può diventare il tuo più grande alleato dandoti la possibilità di ordinare online e ricevere in qualsiasi zona di Bologna e provincia senza limitazioni e diventando il tuo ristorante preferito per la consegna a domicilio di cibo in ufficio. I prezzi partono da €7.95 per un piatto completo per pranzo o cena incluso spedizione. Il pagamento è tramite carta di credito e a breve sarà possibile pagare anche con i buoni pasto il nostro servizio di consegna cibo.

I vantaggi di scegliere NutriBees per i tuoi pasti sono davvero tantissimi:

  • Consegna in tutta la città e provincia
  • Piatti healthy, gourmet e bilanciati
  • Piatti pronti a lunga conservazione solo da scaldare
  • Ampio menù con cucine italiane e internazionali
  • Opzioni vegetariane, vegane e senza glutine
  • Supporto nella scelta del menù tramite test nutrizionale
  • Abbonamento senza vincoli e pagamento online
  • Servizio clienti sempre disponibile per qualsiasi evenienza



Siamo presenti in tutta Bologna e provincia incluso le seguenti località

Saragozza / Bolognina / Piazza Maggiore / Porta San Felice / Ghetto ebraico / Bologna Università / Bologna Centrale FS / Via delle Lame / Basilica Santo Stefano / Budrio / San Lazzaro / Imola / Casalecchio / Valsamoggia / San Giovanni in Persiceto / Castel San Pietro Terme / Zola Predosa / Medicina / Castel Maggiore / Pianoro / Molinella / Castenaso / Ozzano / Sasso Marconi / Granarolo / San Giorgio di Piano / San Pietro in Casale / Anzola

Il nostro menù online per consegna a domicilio include

Cucina Italiana di pesce e di carne / Cucina Etnica / Sushi / Pizza / Piadina / Gastronomia / Cucina salutare / Cucina Vegetariana / Cucina Vegana / Cucina senza glutine / Cucina Asiatica / Cucina Messicana / Cucina giapponese / Cucina Araba / Poke / Cucina Indiana / Cucina Cinese / Cucina dietetica / Ramen / Noodles / Cucina Regionale / Toast / Cucina Thailandese

Lifestyle

Intervista alla nutrizionista Chiara Liguori

nutrizionista Chiara Liguori

Come tornare in forma dopo le Feste: intervista alla nutrizionista Chiara Liguori

Oggi per la serie delle nostre interviste con i migliori professionisti della nutrizione di tutta Italia intervistiamo la nutrizionista Chiara Liguori che ci parlerà della sua professione e in particolare di come affrontare la dieta dopo le feste. Dopo aver letto questa breve intervista vi consigliamo di divertirvi con il nostro test nutrizionale gratuito e scoprire quali sono le vostre migliori e peggiori abitudini in ambito alimentare.

Buongiorno Dottoressa Liguori, grazie per aver accettato la nostra proposta di intervista: iniziamo con una breve introduzione per i nostri lettori!

Buongiorno sono la Dottoressa Chiara Liguori, biologa nutrizionista regolarmente iscritta all’albo nazionale dei biologi e laureata con 110 e lode presso la facoltà di alimentazione e nutrizione umana dell’università degli studi di Milano. Attualmente lavoro come nutrizionista presso diversi centri con preferenza per il settore sportivo. Lavorare con gli sportivi è stimolante e motivante perché loro sono i primi ad avere una ferrea volontà nel raggiungere l’obbiettivo

Cosa ama di più del suo lavoro la nutrizionista Chiara Liguori?

Adoro dare benessere alle persone, farle stare meglio con se stessi e con gli altri, renderle sicure di sé e aiutarle a capirsi e piacersi. Cerco sempre di trasmettere il messaggio che il nostro corpo fa quel che fa per una ragione, quindi comprenderlo è il primo passo per starci bene dentro

Cosa ti sorprende vedere nei tuoi pazienti? In positivo e in negativo

La cosa che mi sorprende sempre in positivo è la forza di volontà di alcune persone. Il contatto diretto e costante che ho coi miei pazienti mi fa capire quanto importante sia per loro raggiungere il risultato desiderato. Allo stesso tempo mi sorprende in negativo quanto le persone accusano il bombardamento mediatico di informazioni sull’alimentazione che più che insegnare causa confusione e la gente non sa più cosa mangiare e cosa no.

Esiste un menù tipo che ti sentiresti di condividere? E una ricetta preferita?

In una giornata tipo consiglio sempre una quota di proteine a colazione, cosa che in Italia è alquanto trascurata. Il mio top di gamma è uno yogurt greco con avena soffiata. A pranzo un primo piatto con legumi (anche questi spesso trascurati). La ricetta che consiglio sempre è riso nero con edamame (fagioli di soia) e zucchine, un piatto unico sano e gustosissimo. Infine a cena una portata proteica di carne, pesce o uova con verdura.

Quale cibo viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti?

I legumi sono troppo spesso trascurati, eppure sono un’importante fonte di proteine vegetali, soprattutto se consumate insieme al primo piatto. Le proteine dei legumi e dei cereali sono infatti complementari tra loro e la classica “pasta è fagioli” non è solo un piatto della tradizione ma anche una ricetta dalle qualità nutrizionali incommensurabili

Quale dovrebbe essere (se esiste) la colazione ideale?

Io consiglio sempre un alimento proteico, tra tutte le ricette quelle che riscuotono più successo sono pancake con albumi e farina di avena (e una punta di miele per addolcire) oppure yogurt greco con cereali integrali o avena

Come affrontare il rientro post-feste? Esiste qualche “trucchetto” che ti senti di consigliarci?

Il segreto è l’equilibrio! Sembra banale da dire ma le calorie possono anche essere bilanciate sulla settimana anziché sulle singole giornate ed è così che si sopravvive alle feste. Abbinando ai pasti “pesanti” pasti più leggeri a base di proteine e verdura, con pochi grassi e pochi carboidrati è il segreto

Che attività fisica consigli di abbinare per buttare giù i chili di troppo accumulati nei pranzi natalizi?

Sicuramente dell’attività cardio (corsa, camminata, ellittica o cyclette) sono fondamentali perché permettono di bruciare grassi, ma è necessaria anche un’attività che permetta di mantenere il tono muscolare come lo yoga o il pilates o anche del sollevamento pesi (con poco peso) in sala attrezzi

Grazie mille per il suo tempo: qualche info utile per chi volesse prenotare una visita con la nutrizionista Chiara Liguori?

Ricevo in provincia di Monza e Brianza e Lecco presso Fit Express Monza Villa Reale (viale Elvezia 2 Monza), studio Osteopatico Pettenon Desio (via Salgari 8/a Desio), Avion center Casatenovo (via de Gasperi 43 Casatenovo LC) e Kap1gym Sovico (via Lambro 24 Sovico)
Per appuntamenti contattatemi al 346 0362958 oppure via mail liguori.nutrizione@gmail.com
E ricordate che il corpo è un tempio