Health & Wellness

Alimentazione per colon irritabile: cosa mangiare e cosa evitare

Oggi la redazione di NutriBees ha chiesto al biologo nutrizionista Michele Russo di trattare una sindrome che riguarda gran parte della popolazione: il colon irritabile.
Scopriamo i consigli del Dott. Russo sull’alimentazione da seguire e su quali cibi evitare e quali mangiare in questi casi.

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è uno dei più comuni disordini gastrointestinali funzionali, che provoca dolore addominale, gonfiore e alterazioni delle abitudini intestinali (diarrea, costipazione o una combinazione di questi). Questo problema ha un’incidenza elevata nei paesi occidentali. Colpisce il 10-20% della popolazione adulta ed è due volte più comune tra le donne. A causa della eziologia incerta, esistono solo poche opzioni di trattamento efficaci e non specifiche, che migliorano solo alcuni sintomi chiave ma non portano alla guarigione del colon irritabile

colon irritabile

Diversi studi hanno dimostrato che alcuni alimenti peggiorano i sintomi nella maggior parte dei pazienti con colon irritabile perché svolgono un ruolo importante nello sviluppo di quei sintomi. Gli alimenti più comunemente segnalati sono quelli contenenti lattosio (latte, gelato e yogurt) o fruttosio (miele, datteri, arance, ciliegie, mele e pere), alimenti che producono gas (fagioli, piselli, broccoli, cavoli e crusca), grano e prodotti contenenti grano e edulcoranti (sorbitolo, mannitolo e xilitolo).


Cosa mangiare e cibi da evitare

Una dieta povera di FODMAP (Oligosaccaridi, Disaccaridi, Monosaccaridi e Polioli fermentabili), ha mostrato un miglioramento dei sintomi nel 68-76% dei pazienti da 1 a 3 mesi di dieta. Gli interventi dietetici come strategia di trattamento per intestino irritabile includono, quindi, la restrizione dei seguenti alimenti:

  • Cereali e loro derivati:
    • Grano;
    • Orzo;
    • Segale.

  • Legumi:
    • Lenticchie;
    • Fagioli;
    • Ceci;
    • Soia;
    • Piselli.


colon irritabile



  • Verdure:
    • Carciofi;
    • Asparagi;
    • Cavolfiori;
    • Aglio;
    • Porri;
    • Funghi;
    • Cipolle;
    • Scalogno;
    • Scalogno;
    • Taccole.

  • Frutta:
    • Mele;
    • Albicocche;
    • Pere asiatiche;
    • More;
    • Ciliegie;
    • Fichi;
    • Jackfruit;
    • Manghi;
    • Nettarine;
    • Pesche;
    • Pere;
    • Cachi;
    • Prugne;
    • Tamarillo;
    • Anguria;
    • Pesche bianche;
    • Uva.

  • Latticini:
    • Latte regolare;
    • Gelato;
    • Formaggi a pasta molle;
    • Yogurt.

Una dieta low-FODMAP impone un’importante restrizione delle scelte alimentari a causa dell’eliminazione di alcuni alimenti di base, come derivati ​​ del grano, latticini contenenti lattosio, molte verdure e legumi e diversi tipi di frutta. Per questo motivo, i pazienti possono essere a rischio di ridurre l’assunzione di fibre, calcio, ferro, zinco, acido folico, vitamine B e D e antiossidanti naturali.

colon irritabile


Il Nutrizionista può aiutare il paziente nella gestione della sintomatologia, attraverso:

  • MONITORAGGIO STATO NUTRIZIONALE (per garantire la giusta assunzione di tutti i nutrienti sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo);
  • EDUCAZIONE ALIMENTARE (I cibi da evitare e quelli da preferire sono diversi nel paziente con stipsi o meteorismo rispetto al paziente con diarrea);
  • SOMMINISTRAZIONE DI INTEGRATORI.

Per chi fosse interessato a ricevere un consulto dal Dott. Russo, questi sono i suoi contatti:

michelerusso32@gmail.com
338 255 7284
Centro Direzionale di Napoli is. G1 (658,38 km), 80143 Napoli.

Se invece a casa non aveste tanti alimenti che non rispecchiano le caratteristiche indicate dal Dott. Russo, non preoccupatevi. Sul nostro menù sono disponibili molti piatti studiati con nutrizionisti che non contengono questi tipi di alimenti che possono causare o accentuare la sindrome del colon irritabile. Cliccate qui e scoprite cosa abbiamo da offrirvi!