Health & Wellness

I SuperClienti NutriBees: Piero da Bresso

nutribees


Il nostro team riprende le sue interviste settimanali ai SuperClienti NutriBees per capire la sua esperienza con il servizio e le motivazioni che l’hanno spinto a scegliere noi come suo partner di pasti pronti sani a domicilio.
L’ospite di oggi è Andrea da Bresso.



Nome, cognome e città di residenza.

Ciao! Mi chiamo Piero Acquaro e vivo a Bresso.


Da quanto tempo utilizza NutriBees e con quale frequenza ordina i piatti? 

Penso da novembre o forse più… sicuramente da oltre 6 mesi. Ordino i piatti tutte le settimane.


Come ha scoperto NutriBees? 

Stavo cercando su Google qualcosa per avere diete a domicilio o per avere consegna di pasti a domicilio. Quando ti consigliano una dieta è spesso difficile stare dietro tutte le preparazioni e a tutti i dosaggi degli ingredienti. C’è da dire che prima di fidelizzarmi a NutriBees ho anche provato la concorrenza e in base alla qualità dei piatti e dei sapori ho scelto NutriBees.


Perché lei utilizza NutriBees? (comodità, piatti sani, mancanza di voglia/tempo di cucinare…)

Principalmente per mangiar sano e per mangiare con pochi di grassi… poi la non voglia di cucinare c’era già prima e non ci sarà mai [ridendo].


Le è capitato di consigliare il nostro servizio ad amici e colleghi?

Si, mi è capitato ma non hanno aderito anche se tutto sommato, se si fanno un paio di calcoli con i vari ristoranti e pizzerie, il vostro servizio è conveniente.


nutribees


Quali sono i suoi piatti preferiti?

Il pollo al curry con caponatina e il chili sudameicano.


Una cosa che le piacerebbe cambiare o aggiungere in NutriBees?

In passato avevo consigliato di cambiare un po’ il menu o aumentarlo perché poteva andare bene alle persone che ordinavano saltuariamente, ma se uno ordina per 5 giorni consecutivi, i piatti erano sempre gli stessi.
Ho visto che questo consiglio è stato accolto ed il menù è stato ampliato.

Se posso dare un consiglio, non per me che non sono un patito di queste cose ma per molta gente che da una particolare importanza a questo aspetto, sarebbe interessante certificare la provenienza dei prodotti. Potrebbe essere un plus valore dire la provenienza degli alimenti che il consumatore potrebbe apprezzare. Un conto pollo allevato in batteria, un conto è quello ruspante. 

Un altro consiglio che vi avevo già accennato per mail riguardava il sale iodato. 

Va bene pacco una volta a settimana ma alcuni a cui l’ho proposto titubanti sul fatto che arrivano piatti già pronti… ma al ristorante è la stessa cosa e la genta non ci pensa… ci sono ancora molti pregiudizi da sdoganare riguardo questo aspetto.


Un consiglio / frase di chiusura per i nostri lettori

Complimenti per la professionalità che dimostrate anche nel sentire le opinioni dei clienti e continuate così a fare piatti stupendi.