Lifestyle

Ritorno in forma: intervista alla nutrizionista Roberta Faraone

nutrizionista Roberta Faraone

Come tornare in forma dopo le Feste: intervista alla nutrizionista Roberta Faraone

Oggi per la serie delle nostre interviste con i migliori professionisti della nutrizione di tutta Italia intervistiamo la nutrizionista Roberta Faraone che ci parlerà della sua professione e in particolare di come affrontare la dieta dopo le feste. Dopo aver letto questa breve intervista vi consigliamo di divertirvi con il nostro test nutrizionale gratuito e scoprire quali sono le vostre migliori e peggiori abitudini in ambito alimentare.

Buongiorno Dottoressa Faraone, grazie per aver accettato la nostra proposta di intervista: iniziamo con una breve introduzione per i nostri lettori!

Mi chiamo Roberta Faraone e sono una biologa prima che nutrizionista! “Racconto come prendersi cura della salute attraverso il cibo che portiamo a tavola”, così ho sintetizzato su Instagram la mia mission.

Cosa ama di più del suo lavoro la nutrizionista Roberta Faraone?

Poter contribuire al benessere della persona a 360°: a tavola e in cucina nascono storie d’amore ma si combattono anche tante battaglie. Amo prendermi cura di ogni paziente, dedicando tempo,
professionalità e offrendo loro ascolto empatico e soluzioni pratiche.

Cosa le sorprende vedere nei tuoi pazienti? In positivo e in negativo

In positivo mi sorprende vedere quella scintilla e felicità nel raggiungere risultati non solo in termini di peso, ma intesi come miglioramento dello stile di vita a tutto tondo. Il negativo spesso riguarda dei pazienti (pochi) che sottovalutano le loro potenzialità e la grandezza dei loro traguardi, autosabotandosi con il pensiero.

Esiste un menù tipo che ti sentiresti di condividere? E una ricetta preferita?

Non amo i menù tipo, li ritengo la piaga della dietetica degli anni passati. Rischieremmo infatti di *ridurre ai minimi termini* il valore di un menu che necessariamente deve essere personalizzato. Ricetta preferita? Uova in purgatorio, apprezzatissima anche dai miei pazienti.

Quale cibo viene troppo spesso sottovalutato dai tuoi pazienti?

Le uova: uno dei primi cibi che i miei pazienti imparano a riscoprire e a apprezzare, in modo da non demonizzare più un alimento così completo! Pratiche, versatili, sazianti perché ricche di proteine ad alto valore biologico, nutrienti dal profilo nutrizionale.

Quale dovrebbe essere (se esiste) la colazione ideale?

La colazione ideale è quella che permette a ciascuno il controllo glicemico e della sazietà, fornendo idratazione, nutrienti e, soprattutto, piacere al palato. Per me è del pane di segale con uovo strapazzato, kiwi, tisana e assolutamente poi caffè amaro, immancabile.

Come affrontare il rientro post-feste? Esiste qualche “trucchetto” che ti senti di consigliarci?

Si, si tratta dei consigli più banali ma che nessuno mai applica: via dolci, avanzi di cibi elaborati, via le tentazioni di cibi altamente palatabili. Bisogna tornare sin dal 2 gennaio all’alimentazione semplice, senza rinunce, nutriente che, in teoria, dovremmo avere anche in tutto il resto dell’anno

Che attività fisica consigli di abbinare per buttare giù i chili di troppo accumulati nei pranzi natalizi?

Non essendo professionista in campo sportivo preferisco rimbalzare la domanda a chi di dovere. Me lo chiedono spesso anche molti pazienti e preferisco consigliare un’attività che piaccia davvero e che quindi non ci si limitati a praticare nel periodo postfeste ma che venga mantenuta anche nel resto dell’anno

Grazie mille per il suo tempo: qualche info utile per chi volesse prenotare una visita con la nutrizionista Roberta Farone?

Ricevo a Pescara, in Viale J.F. Kennedy 37 su appuntamento, eseguo anche consulenze a distanza. Per fissare un appuntamento è possibile telefonare al 392 3571671, mandare una email a
info@nutrizionistafaraone.com o consultare il sito www.nutrizionistafaraone.com.